PROGRAMMI PER ISTITUZIONI E FAMIGLIE

Il Centro di Riabilitazione AIAS – Penisola Sorrentina è una struttura accreditata con il SSN ASL NA3 SUD.
Effettua prevalentemente trattamenti riabilitativi (ex art.26) per bambini affetti da patologie neuropsicologiche, sviluppando una competenza specifica di alto profilo in almeno due grandi raggruppamenti diagnostici:

- DSA (Disturbi specifici di apprendimento)

- Disturbi dello spettro autistico

per i quali ha definito protocolli di intervento specifici, aggiornati secondo la letteratura internazionale più recente e che si applicano in percorsi sintonici di accoglienza al cui termine, in un incontro dedicato, la famiglia riceve il risultato del lavoro multidisciplinare effettuato.
Si predispone inoltre un incontro con la Scuola di riferimento per condividere eventuali percorsi interistituzionali.

DSA

Per ciò che attiene i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), il Centro Aias – Penisola Sorrentina ha ricevuto dal 2016 il riconoscimento di


CENTRO AUTORIZZATO REGIONALE

PER L'EMISSIONE DELLA DIAGNOSI DI DSA VALIDO PER LE SCUOLE DELLA CAMPANIA


In caso di sospetto DSA il Neuropsichiatra Infantile responsabile effettua un primo incontro conoscitivo con la famiglia e definisce il percorso di accoglienza. L’intervento di presa in carico  viene programmato In base alle esigenze della famiglia. 
Le figure professionali che si alterneranno con specifiche attività in questo processo sono:
Assistente sociale
- accoglie la famiglia;
- ne traccia la storia sociale naturale; 
- accoglie le esigenze relative ai possibili orari di intervento; 
- traccia e tiene conto dei bisogni familiari per il proseguio della presa in carico.
Psicologo
- accoglie il paziente e la Sua famiglia;
- ne coglie le dinamiche familiari;  
- effettua la valutazione del Q.I. del paziente (Wppsi e WISC).
Logopedista
- definisce le competenze neurocognitive attraverso l’utilizzo di test specifici standardizzati;
- decodifica i modelli di apprendimento;
- descrive tanto le difficoltà che le potenzialità presenti; 
- traccia il percorso d’intervento necessario in una ottica multidisciplinare ed interistituzionale.
Neuropsichiatra infantile
effettua uno o più incontri col paziente ed elabora una diagnosi seguendo I sistemi  standardizzati: ICD 10, ICF.

PROGETTO RETE SCUOLA - SANITA'

RETE INTERISTITUZIONALE

DIAGNOSI DSA - AUTISMO

 

Scopo del progetto è rendere operativa la rete interistituzionale che raccolga i piccoli pazienti nelle maglie di due sistemi interdipendenti:
- La Scuola 
- La Sanità 

Indipendentemente dal percorso con il S.S.N. il Centro Aias si propone di supportare il lavoro degli insegnanti offrendo la possibilità di un supporto diagnostico non soltanto collegato ad una indicazione di un Sistema diagnostico standardizzato (ICD 10), ma andrà ad offrire una diagnosi collegata alle modalità di funzionamento della mente del bambino, alle sue potenzialità, alle sue criticità e quindi ai reali bisogni della Scuola. Accanto a questo si proporranno indicazioni operative sinergiche tra operatori della Sanità e della Scuola. 


Il Centro, in ragione della segnalazione degli insegnanti, si impegna, ad effettuare una visita multidisciplinare entro due settimane dalla segnalazione con una valutazione del NPI del Centro AIAS. 

 

Il servizio sarà supportato, in caso di necessità, da uno Psicologo (per la valutazione del Q.I.) e/o da una  Terapista della neuro e psicomotricità e/o da una  Logopedista.
 

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

In prima battuta il Neuropsichiatra Infantile effettua l’incontro conoscitivo con la famiglia e ne definisce il percorso di accoglienza. In base alla loro esigenza viene attivata la  presa in carico. Le figure professionali che si alterneranno con specifiche attività in questo processo sono:
Assistente Sociale

- accoglie la famiglia,

- ne traccia la storia sociale naturale,

- accoglie le esigenze relative ai possibili orari di intervento; 

- decodifica i bisogni familiari per il prosieguo della presa in carico;

Psicologo
- accoglie il paziente e la Sua famiglia;

- ne coglie le dinamiche familiari sociali ed educative;

- effettua la valutazione del Q.I. del paziente attraverso test standardizzati (Wppsi e Wisc).
Terapista della neuro e psicomotricità
- definisce le competenze competenze psicomotorie;
- utilizza test specifici standardizzati per stabilire lo stato dell’arte; definisce gli stili comportamentali del paziente;
- traccia il percorso di intervento multidisciplinare necessario.
Logopedista
- definisce le competenze neurocognitive utilizzando test standardizzati;

- descrive e decodifica i modelli di apprendimento seguiti;

- descrive le difficoltà e le potenzialità cognitive;

- traccia il percorso d’intervento necessario in una ottica multidisciplinare ed interistituzionale;
Neuropsichiatra infantile
- effettua effettua uno o più incontri col paziente ed elabora una diagnosi seguendo I sistemi standardizzati ICD 10, ICF avvalendosi del  Sistema Ados.
Esperto legale/CAF
- decodifica i bisogni  sociali; 

- collega la diagnosi con i possibili benefici sociali dello Stato; 

-prepara gli incartamenti necessari; 

- instrada le pratiche amministrative del caso. 

LABORATORIO DI

ESPRESSIONE SONORA

PROGETTO DI MUSICO TERAPIA

 

“Ogni malattia nasce, prima di tutto, 

da una disarmonia tra il corpo e lo spirito.”
Ronaldo Omar Benenzon


La musicoterapia è l'uso della musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) da parte di un musicoterapeuta qualificato, con un utente o un gruppo, in un processo atto a facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, l'apprendimento, la motricità, l'espressione, l'organizzazione e altri rilevanti obiettivi terapeutici al fine di soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive.

 

FASI DEL PROGETTO


1) Esplorazione: è basata sulla conoscenza e sulla instaurazione del clima e del rapporto di fiducia tra gli operatori e il gruppo.
2) Musica e Gioco:  si svolgono giochi dalla percezione all’ascolto del suono e del silenzio, che  basandosi sulla musica sfociano in movimento.
3) Dialogo Sonoro, Fiabazione e Drammatizzazione sonora: utili per poter sperimentare la creatività nel comunicare all’altro se stesso in tutta la sua emozionalità.
Destinatari    

- Ritardo mentale
- Alunni con disturbi dello spettro autistico
- Alunni in condizioni di normalità, previo parere  favorevole della famiglia
Calendario    

Da novembre a maggio;
Frequenza    

2 ore settimanali: 1a ora per alunni 1a e 2a elementare e nella 2a ora per alunni 3a, 4a e 5a elementare;
Partecipazione

10 alunni per sessione con presenza contemporanea di due operatori: un terapista della neuropsicomoricità e
un musicoterapeuta;
Strumenti 

Strumentario Musicale Orff, strumenti a percussione, chitarra, tastiera, compact disc, cartoncini, strumenti musicali prodotti artigianalmente, pennarelli e altro.

ELENCO TEST A DISPOSIZIONE UTILIZZATI NELLE PROVE DI VALUTAZIONE

 

NEUROPSICHIATRA INFANTILE

PSICOLOGO

 

LOGOPEDISTA

NEUROPSICOMOTRICISTA

ICD-10 - ICF 

Wisc IV  - Wppsi  

Matrici di Raven

BIN     TOL    BVS     VMI     
BHK    TEMA    CMF    MT3
MT3 avanzate    DDE-2    DDO
BVSCO-2    CEO    ACMT
BDE-2    BVL    TINV    PFLI
TCGB    TCR    Bus Story Test
MT3    TVL    BVN
PEABODY test    VAUMeLF
Test di articolazione Fanzago
Vineland-II
Questionario ASCB
Questionari McArthur
Prove di lettura della Fondazione S. Lucia

Cars-t - Vineland